<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=276156203311675&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Valutazione dei Rischi sul Lavoro_2

 

L'obiettivo principale di un responsabile HSE è evitare (o quantomeno ridurre al minimo) infortuni e incidenti sul lavoro. Compito non facile visto la moltitudine di fattori (tecnici e umani) che possono costituire fonte di rischio per la salute e sicurezza delle persone coinvolte nell’attività aziendale.

La valutazione dei rischi sul lavoro è un processo complesso, continuativo, ma necessario per individuare, quantificare e gestire ogni possibile elemento di pericolo.

Ecco quali step dovresti seguire.

Vuoi subito andare al sodo? Scarica la guida essenziale per la misurazione e gestione del rischio.

scarica la guida gratuita

 

Individuazione del rischio

La prima cosa da fare è individuare tutte le possibili fonti di pericolo alla salute e sicurezza che si celano in azienda. Per far ciò è necessario prendere in considerazione ogni singola risorsa aziendale impiegata per le varie attività.

Nel caso di un’azienda di produzione ad esempio dovranno essere considerati: impianti e macchinari, stabilimenti e spazi fisici, attrezzature, materie prime e semilavorati impiegati… senza dimenticarsi anche delle persone coinvolte (considerando la mansione e le attività che svolgono e il ruolo che hanno in azienda).

Dalle fonti di rischio poi si passa all’individuazione dei possibili scenari di pericolo all’interno dei vari cicli produttivi (o dei layout produttivi) associando a ognuno di questi le risorse coinvolte.

Il risultato sarà quello di aver messo “nero su bianco” i singoli contesti aziendali che possono generare pericolo.

 

Misurazione/quantificazione

Una volta individuati i rischi si passa alla loro misurazione o quantificazione. Per quantificare un rischio bisogna tener conto sia della frequenza con cui si può manifestare un incidente (es. bassa, media o alta), sia dell’entità del danno che ne può scaturire per la salute delle persone coinvolte (es. danno lieve, medio, grave o gravissimo).

Incrociando queste due variabili è possibile classificare i rischi in base:

  • al livello di rischio (es. rischio elevato, medio e basso)
  • alla conseguente priorità di intervento nel mettere in atto le misure correttive o migliorative richieste (es. intervento immediato, nel breve-medio termine, da tenere sotto controllo).

 

Documento valutazione dei rischi

Tutte le informazioni elaborate in fase di individuazione e misurazione dei rischi devono poi, per legge, essere raccolte in una relazione da allegare al documento di valutazione dei rischi (DVR) che conterrà anche il Programma delle misure di prevenzione e protezione e quello degli interventi migliorativi necessari per aumentare i livelli di sicurezza in azienda.

 

Per approfondimenti sul DVR leggi dal nostro Blog:

 

Lo step successivo? Gestire i rischi

Per aiutarsi sia nelle fasi di individuazione e misurazione che in quella di successiva gestione del rischio, abbiamo realizzato una guida essenziale che schematizza alla perfezione tutti i passaggi da seguire per una corretta valutazione del rischio, utile anche ai fini della redazione del DVR.

 

Scarica la guida gratuita in formato PDF.

scarica la guida gratuita

Luca Rostellato

Scritto da   Luca Rostellato

HSE Manager, si occupa di consulenza, formazione e valutazione dei rischi ed impatti in ambito di Health, Safety & Environment; si occupa di progettazione e sviluppo di sistemi di gestione in ambito ISO (14001, 9001, 45001) nonché di sicurezza in ambito ferroviario (D.Lgs.50/2019, IV pacchetto ferroviario), membro di Organismi di vigilanza riferiti ai modello organizzativi conformi al D.Lgs. 231/01. E’ in Polistudio Spa dal 2002 dove attualmente ricopre il ruolo di Team leader.

ISCRIVITI AL NOSTRO BLOG