<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=276156203311675&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Procedura-Gestione-Rifiuti-ed-emergenza-COVID-19

L’emergenza Coronavirus ha fatto sorgere alcuni legittimi dubbi sullo smaltimento dei rifiuti in azienda. Quelli che prima erano considerati rifiuti comuni, ora destano alcune preoccupazioni a causa del potenziale rischio biologico e richiedono delle accortezze particolari.

Per far chiarezza, ho realizzato questo post con le linee guida sulla procedura gestione rifiuti data l’emergenza COVID-19.

 

Procedura gestione rifiuti COVID-19

La seguente procedura ha lo scopo di fornire alle aziende indicazioni specifiche per la corretta gestione di alcune tipologie di rifiuti nei luoghi di lavoro data l’emergenza sanitaria.

I rifiuti prodotti in azienda che possono creare dubbi sulle modalità di gestione in questo contesto sono:

  • Fazzoletti di carta usati
  • Rotoli di carta assorbente
  • Dispositivi di protezione monouso utilizzati dai lavoratori (es. mascherine, guanti, ecc.).

L’Istituto Superiore di Sanità, nel Rapporto ISS COVID-19 n.3/2020, ha dato indicazioni in merito alla gestione di tali rifiuti quando prodotti in contesto privato/domestico. In attesa di indicazioni normative da parte delle Istituzioni, i criteri proposti da tale rapporto possono essere utili anche per la gestione dei rifiuti in azienda.

In generale, è preferibile utilizzare contenitori a pedale e al loro interno vanno inseriti almeno 2 sacchetti, soprattutto nelle aree a cui accedono persone esterne all’azienda o nei luoghi aperti al pubblico. Al di là di queste prescrizioni di base, la procedura cambia a seconda che in azienda siano presenti casi di contagio (confermati o anche solo sospetti) e non.

 

Gestione dei rifiuti in assenza di casi di COVID-19 in azienda

Iniziamo con la classificazione rifiuti CER. A scopo cautelativo, fazzoletti o rotoli di carta, nonché mascherine e guanti eventualmente utilizzati, possono essere smaltiti nei rifiuti indifferenziati (CER 200301) o come assorbenti, materiali filtranti, stracci e indumenti protettivi (CER 150203). In alternativa si possono seguire anche altri codici secondo le disposizioni e le prassi già in uso in azienda.

È preferibile che i rifiuti siano gettati in contenitori dedicati e chiusi utilizzando almeno due sacchetti uno dentro l’altro (o in numero maggiore in dipendenza della resistenza meccanica dei sacchetti).

Invece, a proposito del procedimento è raccomandato di:

  • chiudere adeguatamente i sacchetti senza comprimerli
  • utilizzare legacci o nastro adesivo
  • indossare guanti monouso durante l’operazione
  • e di smaltirli come da procedure già in vigore.

Il vuotamento dei contenitori è preferibile venga fatto da personale addestrato e a conoscenza della presente procedura o dalla ditta incaricata delle pulizie. In entrambi i casi, i guanti usati dal personale devono essere gettati alla fine dell’operazione di vuotamento.

 

Gestione dei rifiuti in presenza di casi di COVID-19 (sospetti o confermati)

In questo caso, devono essere adottate particolari cautele e l’azienda deve assicurare collaborazione secondo le indicazioni dell’Autorità Sanitaria finché non sarà stato confermato o smentito il contagio.

In attesa del personale sanitario, bisogna richiedere direttamente alla persona contagiata (o sospetta contagiata) di eliminare i fazzoletti di carta e i DPI utilizzati in un sacchetto impermeabile.

Qualora il caso fosse confermato, deve essere effettuata una sanificazione dei locali aziendali secondo le disposizioni della Circolare n. 5443 del 22/02/2020 del Ministero della Salute. In tal caso, i rifiuti devono essere trattati come rifiuti pericolosi a rischio infettivo.

Si propone pertanto l’utilizzo del codice CER 180103* (rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni).

Tali rifiuti dovranno essere trattati da una ditta specializzata incaricata, evitando qualsiasi contatto da parte dei lavoratori.

Si precisa che tale codice è soggetto a tutti gli adempimenti obbligatori (tenuta del registro di carico e scarico, emissione di formulari di trasporto rifiuti, utilizzo di trasportatori autorizzati in ADR nella fase di smaltimento, presentazione di MUD annuale).

 

Riferimenti

Rapporto ISS COVID-19 n.3/2020 aggiornato al 14/03/2020

Circolare n. 5443 del 22/02/2020 del Ministero della Salute

 

Il tema dei rifiuti non è l'unico aspetto investito dall'emergenza sanitaria. A livello organizzativo e di sicurezza sono molte le procedure che si possono attuare per gestire al meglio questa situazione straordinaria. Noi ci siamo mossi proprio in questa direzione e abbiamo realizzato un manuale per tutelare dipendenti, aziende e la società in generale.

Scarica il Manuale e scopri il Metodo. 

scarica il manuale di emergenza sanitaria

Mattia De Marchi

Scritto da   Mattia De Marchi

Laureato in Ingegneria Civile presso l’Università degli Studi di Ferrara nel 2018, l’anno successivo entra a far parte della squadra di Polistudio S.p.A. nel reparto Ricerca e Sviluppo. Studia gli aggiornamenti normativi e strumentali e fornisce assistenza tecnica agli altri team, propone miglioramenti procedurali e promuove progetti innovativi a colleghi e clienti.

Scopri il tuo livello di Compliance nella tia azienda
ISCRIVITI AL NOSTRO BLOG