<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=276156203311675&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Consulenza-Sicurezza-sul-Lavoro

La Consulenza Sicurezza sul Lavoro si concretizza in due gruppi di attività distinte: da una parte “Prevenzione di incidenti e infortuni”, dall’altra “assistenza (prettamente legale) post infortunio": due facce della stessa medaglia. 

Spesso però prevale il lato sbagliato!

Nella stragrande maggioranza delle aziende la Sicurezza sul lavoro è ancora vista come un vincolo, un’eventualità di cui preoccuparsi solo quando capita un qualsiasi evento dannoso; anche perché, basandosi sulle statistiche, tutti sperano di essere immuni da tale probabilità. 

In realtà la consulenza più efficace è quella che viene fatta proprio per evitare incidenti e per farti comprendere meglio il concetto ti riporto un esempio concreto in cui un buon piano di prevenzione e protezione avrebbe potuto fare la differenza. 

 

Il contesto 

Una nota azienda automobilistica tedesca che produce vetture di lusso si è vista commissionata da un cliente un’automobile alla quale doveva essere applicato uno stemma aggiuntivo e non previsto nell’allestimento standard. 

Per far ciò è stata richiesta ad un fornitore della casa produttrice una speciale colla bicomponente ad alta tenuta per applicare proprio lo stemma in più. 

 

Il fatto 

Durante l’applicazione, proprio perché si trattava di un’operazione straordinaria rispetto alle normali procedure di lavoro, qualcosa è andato storto. Le esalazioni dovute all’uso della colla speciale hanno fatto perdere i sensi a uno degli operai che svenendo ha anche riportato una ferita e un trauma alla testa. 

L’altro operaio, che nel frattempo era riuscito ad allontanarsi e a chiedere soccorso, ha comunque accusato difficoltà respiratorie sempre a causa delle esalazioni. Anche lo stesso pronto intervento è risultato complicato a causa della difficoltà di reperire la scheda tecnica della nuova colla. 

Solo i successivi esiti sanitari hanno dimostrato che l’incidente è stato provocato da una reazione chimica non prevista tra colla bicomponente e vernice opacizzante usata per la carrozzeria. 

 

Le conseguenze 

A seguito degli accertamenti, i “datori di lavoro” dell’azienda automobilistica e di quella fornitrice della colla sono stati entrambi rinviati a giudizio per mancato coordinamento preventivo di attivitàcome previsto dall’art.26 d.lgs. 81/08. 

Si è configurato quindi un caso di mancata valutazione del rischio legato all’introduzione di un nuovo prodotto chimico, che non ha fatto sì che il Documento di Valutazione dei Rischi rispecchiasse la situazione aziendale attuale 

 

Leggi anche dal nostro Blog "Valutazione Rischio Amianto: cosa deve fare il datore di lavoro".

 

Consulenza Sicurezza sul lavoro: cosa si sarebbe dovuto fare  

La casa automobilistica in questione non è di certo un’azienda “piccola e sprovveduta”.

Siamo certi che la sicurezza sul lavoro sia una delle sue priorità. Tuttavia, è evidente che qualcosa poteva essere rivisto, ma ciò non è avvenuto! 

Per quanto possa essere stata fatta bene la valutazione dei rischi legati alle procedure di lavoro standard , non è stato dato abbastanza peso ai rischi derivanti da cambiamenti apportati alle attività lavorative e ai processi di produzione.  

In generale, è sempre meglio valutare in maniera approfondita alcuni rischi che non erano stati considerati  prima o considerati rilevanti.

 

Anche in questo video parliamo di quanto importante sia la Consulenza in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro.

 

Riguardo altri tipi di rischi, leggi dal nostro blog: 

 

Questo esempio ha dimostrato quanto un’efficace consulenza esterna in materia di salute e sicurezza sul lavoro avrebbe potuto scongiurare un incidente e conseguenze giuridiche annesse.

Vuoi evitare situazioni di questo tipo? Chiedi al nostro esperto!

approfondisci con l'esperto

Luca Rostellato

Scritto da   Luca Rostellato

HSE Manager, si occupa di consulenza, formazione e valutazione dei rischi ed impatti in ambito di Health, Safety & Environment; si occupa di progettazione e sviluppo di sistemi di gestione in ambito ISO (14001, 9001, 45001) nonché di sicurezza in ambito ferroviario (D.Lgs.50/2019, IV pacchetto ferroviario), membro di Organismi di vigilanza riferiti ai modello organizzativi conformi al D.Lgs. 231/01. E’ in Polistudio Spa dal 2002 dove attualmente ricopre il ruolo di Team leader.

ISCRIVITI AL NOSTRO BLOG