<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=276156203311675&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Valutazione-dei-rischi-esempio-di-mancato-coordinamento-preventivo

In questo articolo torniamo a parlare di mancata valutazione dei rischi, esempio emblematico di situazione in cui l’attribuzione di responsabilità tra i soggetti coinvolti per un infortunio diventa complessa da gestire, soprattutto a posteriori (ovvero a livello giudiziario).

Vuoi sensibilizzare tutta la tua azienda alla salute e sicurezza sul lavoro? Scarica subito la guida.

scarica la guida gratuita

 

Valutazione dei Rischi: Esempio di interferenza

Protagonista è una nota azienda automobilistica, che costruisce le proprie auto in Germania, con tante concessionarie sparse nel mondo.

Le vetture prodotte sono di super lusso o super sportive (vetture che superano i 100.000 €).

Il cliente tipo di questa azienda vuole un’auto unica e inconfondibile, non si accontenta di allestimenti e optional di serie.

Nel nostro caso il cliente aveva richiesto l’applicazione di uno stemma aziendale vicino a quello della casa automobilistica.

Per far ciò, il personale del fornitore della concessionaria si è accinta ad usare una particolare colla bicomponente ad alta tenuta per garantire la tenuta del marchio alle alte velocità, ai lavaggi e ai tentativi di furto.

Durante questa applicazione, il lavoratore e un suo collega che lo assisteva, in fase di applicazione della colla bicomponente sulla superficie dell’auto e del marchio, hanno avuto un malore. Uno è svenuto battendo il capo a terra in modo violento e riportando anche un serio trauma contusivo da taglio sulla fronte, L’altro è riuscito ad allontanarsi dal luogo chiuso, ha chiamato aiuto e poi ha iniziato a vomitare e a manifestare gravi difficoltà respiratorie.

Il personale della concessionaria ha chiamato il 118 e tempestivamente sono arrivati i soccorsi. Anche la fase di determinazione della diagnosi da parte dei sanitari non è stata semplice per la difficoltà di reperire la scheda tecnica di quella sostanza chimica bicomponente utilizzata come colla “forte”.

Solo dopo qualche giorno, con gli esiti dei sanitari e con l’analisi dell’infortunio fatta da esperti, si è stabilito che la reazione del bicomponente assemblato, è stata amplificata e resa pericolosissima a causa della particolare patina opacizzante che era stata applicata sulla carrozzeria dell’auto in questione.

Il mix tra i 2 componenti della colla e le sostanze contenute nella vernice opacizzante potevano produrre gas o vapori letali e comunque cancerogeni.

 

Scopri in questo video come l'organizzazione sul lavoro sia strettamente connessa alla sicurezza sul lavoro.

 

Responsabilità per mancato coordinamento attività

La domanda che è sorta dopo essersi tutti accertati delle condizioni di salute delle persone (ormai fuori pericolo) è stata “Ma di chi è la responsabilità in questo caso?”

E tutti hanno chiosato: “Non sarà certo nostra!”.

La risposta merita un minimo di analisi.

  • Ci troviamo in una concessionaria (A)
  • che commissiona una attività a una ditta specializzata in allestimenti auto (B)
  • che lavora presso il luogo di lavoro di A
  • per installare su una vettura ancora di proprietà o nella disponibilità giuridica di A
  • un componente metallico che richiede l’uso di prodotti acquistati da B
  • che hanno interagito con una vernice speciale che era sulla macchina di A.

 

Conseguenze giuridiche

L’esito, scontato per gli addetti ai lavori, meno per i protagonisti e soprattutto per i 2 datori di lavoro, è stato il rinvio a giudizio per entrambi per la violazione dell’art.590 del Codice Penale visto che uno dei 2 ha subito lesioni esterne ed interne che gli hanno procurato una prognosi superiore ai 40 giorni.

In particolare, per entrambi, la violazione specifica è stata il mancato coordinamento preventivo delle attività come previsto dall’art.26 del Dlg.vo 81-08 che, se fosse stato fatto, avrebbe permesso, in fase di verifica preventiva delle attività e della conseguente valutazione dei rischi interferenziali, di dedurre dalle schede di sicurezza e delle avvertenze riportate, le caratteristiche delle superfici su cui era vietato applicarle.

Nessuno dei 2 datori di lavoro è riuscito ad evitare una condanna.

Adottare virtuose procedure di qualifica dei fornitori, gestirli nei modi e nei tempi utili e necessari è quello che si deve fare per prevenire tutti quei rischi che possono sembrare banali ma che portano poi al verificarsi di tragedie sul luogo di lavoro (oggi in Italia muoiono 4 persone al giorno al lavoro).

 

Leggi anche dal nostro Blog "Qualificare i Fornitori per la gestione dei processi produttivi".

 

La conformità alla legge o a un modello è essenziale, ma il focus deve essere sempre e comunque la tutela della salute e della vita di chi lavora. Per fare ciò, occorre diffondere la cultura della sicurezza a tutta l'organizzazione aziendale. in che modo?

Scarica la nostra guida gratuita e all'effettività organizzativa e scopri come sensibilizzare tutta l'azienda.

scarica la guida gratuita

Lorenzo Belloni

Scritto da   Lorenzo Belloni

Consulente tecnico senior. Ho maturato esperienza nel mondo delle verifiche di apparecchi di sollevamento, impianti elettrici, impianti di messa a terra, impianti di protezione contro le scariche atmosferiche ed impianti elettrici in luoghi con pericolo di esplosione dal 1985 al 1995 presso il PMP sezione Impiantistica ed antinfortunistica dell'ASL n°18 di Rovigo. Nel 1995 ho fondato Polistudio e fino ad oggi ho affinato, tramite la redazione di oltre 100 perizie tecniche di parte (CTP) in materia di sicurezza sul lavoro, una esperienza che mi porta in tutti i tribunali d'Italia. Svolgo consulenza organizzativa direzionale in materia

Scopri il tuo livello di Compliance nella tia azienda
ISCRIVITI AL NOSTRO BLOG